Contact

Subscribe to newsletter

Follow me

Fill the contact form

Name is required
A valid email address is required
Message is required
Select answer
Answer is required
  • Wrong captcha
    ×

    Feedback

    Tell your experience

    This field cannot be blank
    An email address or a phone number is required
    Did you miss something?

    Wrong captcha
    ×

    La Ricerca di una voce personale è stata sin dall'inizio un cruccio, una necessità da cui non sono mai potuto sfuggire. La fotografia d'altronde è stata sempre una necessità ancor prima che un mestiere, uno strumento che mi ha aiutato a scoprire parte di me sconosciute, criptate, che solo attraverso questo incredibile linguaggio multiforme sto conoscendo. Il confronto con se stessi non è mai semplice e implica sempre il doversi mettere in gioco, ed essere disponibili a scoperchiare storie scomode o ricordi dolorosi. Io ho accettato la sfida perché ho sempre creduto che dietro questi nodi si trovino gli spazi che portano a trovare il senso di se e di quello che ci fa star bene: il senso della vita forse.

    Proprio per tutto quello che sta dietro a questi articoli è stata una gioia fermarsi a leggerli e scoprire quanta energia mi hanno portato, per quello che mi hanno dato indietro e le nuove strade che stanno segnando.

    Questo un estratto dell'articolo, che potete leggere nella versione integrale a questo link: The Huffington Post Italia.

    " Persone, non sposi e invitati. Storie di vita, non cerimonie nuziali. L'arte, la mano e l'interpretazione del fotografo che arricchiscono il giorno in cui le storie d'amore si coronano, senza limitarsi a documentarlo: è questa la filosofia di Giuseppe Marano, giovane fotografo che ha deciso di dare un nuovo taglio alla fotografia matrimonialista, che in troppi considerano ancora "fotografia di serie B", immortalando le cerimonie nuziali di diverse coppie siciliane dandogli un tocco del tutto inedito e personale ".